0

Conchiglie

Ghirlanda-estiva

Il tempo impegnato a riflettere non è mai sprecato.
Lo sguardo rivolto al passato, tuttavia, è sempre tempo sottratto al presente.

Il paradosso di questa improvvisa quanto indesiderata valutazione pomeridiana sta nel prendere atto che il percorso di perfezionamento di ognuno di noi parte da lontano, ed è tanto più accurato quanto più siamo capaci di ricordare qual è stato il nostro cammino. L’esercizio del ricordo sta nel possedere ogni esperienza e farne tesoro, al netto di forzature quali idealizzazioni o, ancor peggio, perdite. Il giusto equilibrio tra nostalgia irrequieta e disinvolto pragmatismo credo che non appartenga all’animo umano, perché tutti noi cediamo all’una e all’altra corrente a seconda del momento; ciò non ostante, è bene precisarlo, i ricordi smettono di assolvere la loro precipua funzione di apporto al presente quando finiscono per tradursi in condizionamento leggero e sotterraneo di ogni nostra azione futura.

Come se il tempo trascorso a raccogliere conchiglie sul bagnasciuga ci avesse donato una discreta capacità nel riconoscerle quali splendidi resti di vita marina, e al tempo stesso negato la curiosità di cogliere analoghe sensazioni al cospetto di piccoli frammenti di corallo.

0

Perth

IMG_5579.JPG
Cielo costellato di lampi, e Bon Iver in macchina fino a Sammommè.
Certo che ormai da un po’ son fuori tempo, d’altronde non ho mai avuto il senso del ritmo… Se penso agli schemi ho il prurito, così come ad ogni accenno di impegno: prendo sempre più confidenza col condizionale perché l’indicativo mi sta stretto. Dopo un po’ naturalmente rinsavisco, torno in me! Ma il cruccio vero è che vorrei tornare in te.
E piangere tra le tue braccia – anziché tra le mie, vuote – lacrime colme di gioia.